fbpx

Coronavirus e dentisti. Quali sono le regole per la riapertura degli studi?

L’impatto con un virus cosi aggressivo e misterioso come il Coronavirus è stato dirompente per le nostre vite e per le nostre attività quotidiane e professionali.

Il Coronavirus si è dimostrato molto contagioso in situazioni di sovraffollamento, in luoghi chiusi e nelle zone con alto tasso di inquinamento atmosferico, costringendoci al distanziamento sociale, soprattutto costringendoci a rimanere a casa.

Gli scienziati fin dall’inizio dell’emergenza ci hanno fornito direttive chiare: evitate luoghi affollati, lavatevi spesso le mani, copritevi naso e bocca e uscite solo per motivi di assoluta necessità.

Come ci siamo mossi e come ci muoveremo?

Per lo studio dentistico queste direttive si sono tradotte in un diradamento degli appuntamenti, nell’uso di specifici dispositivi di protezione individuale e nel monitoraggio a distanza dei pazienti. Questo protocollo noi dello studio D’Amario lo mettiamo in atto da sempre. L’arrivo del Coronavirus non ha difatti sconvolto il nostro modo di lavorare.

Non abbiamo mai considerato la sala d’attesa piena un chiaro segno di efficienza e di particolare bravura del professionista semmai di disorganizzazione. 

Chi da 30 anni lavora come la dottoressa D’Amario sull’ottimizzazione dei casi ortodontici, sul minimo impegno di tempo e sui massimi risultati intercettando le malocclusioni fin dai primi anni di vita non può sentirsi particolarmente danneggiato dal Coronavirus.

Da 6 anni provider Invisalign, lo studio ortodontico D’Amario si è sempre preoccupato di garantire ai propri pazienti sicurezza e riduzione dello stress causato dalle visite in studio e dai tempi di attesa. Rispetto all’ortodonzia tradizionale un investimento maggiore ma in cui abbiamo fortemente creduto. Una maggiore attenzione ai trattamenti dei pazienti ma anche rispetto nei loro confronti. 

Il trattamento con gli allineatori Invisalign ha un alto indice di predicibilità, questo consente di non avere urgenze e di non dover convocare i pazienti troppo spesso in studio.

Anche i sistemi di pagamento sono stati studiati in modo che il paziente non debba spostarsi da casa. 

A seguito dell’emergenza Coronavirus abbiamo rispettato i dettami previsti dal Ministero della Salute e del Governo. Lo studio è chiuso dalla fine di febbraio, non abbiamo avuto urgenze e non abbiamo fatto consulenze. Ma abbiamo controllato i pazienti con Dental Monitoring e potuto gestire il tutto con estrema serenità. Abbiamo anche messo a disposizione un sistema di consultazione virtuale orale che vi invitiamo a provare. Basta cliccare a questo link.

Quando i decreti del Governo e le ordinanze di Regione Abruzzo e Comune di Pineto consentiranno di riaprire, lo studio D’Amario sarà già pronto. Il perfetto riciclo dell’aria è già possibile così come è garantita la perfetta areazione dei locali tra un paziente e l’altro. 

Ricominceremo a lavorare in studio quando anche l’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri lo consentirà. Coronavirus e dentisti: ci sentiamo di poter dire che #andràtuttobene.

Vuoi maggiori informazioni? Chiamaci allo 085 9493 573 oppure al 371 3919519.

Condividi questo articolo su: