fbpx

Lo sbiancamento dentale è una pratica odontoiatrica che permette di migliorare e uniformare il colore dei propri denti.

Per lo sbiancamento dentale esistono diverse tecniche e diversi prodotti ma, come regola generale, i denti da sbiancare prima devono essere puliti per togliere tartaro, placca, macchie di caffè e macchie di fumo.

Una visita preventiva dallo specialista è d’obbligo. Vi verranno illustrate le varie tecniche e, in presenza di macchie sui denti, se ne definiranno la natura e la tecnica migliore per mandarle via.

Non tutte le macchie sui denti vanno via con lo sbiancamento. Ci sono macchie causate da vecchie otturazioni e da carie. Alcune macchie sono in realtà erosioni dello smalto e per esse lo sbiancamento non è efficace.

Per avere denti bianchi si può effettuare uno sbiancamento in studio oppure domiciliare.

Lo sbiancamento domiciliare: quando e come.

L’odontoiatra sceglierà uno sbiancamento domiciliare con mascherine trasparenti se il paziente:

  • ha denti naturali;
  • ha denti allineati;
  • non ha capsule o grosse otturazioni;
  • non ha irregolarità dello smalto;
  • non ha denti devitalizzati che sono generalmente più scuri.

In questo caso il paziente applica lo sbiancante nelle mascherine appositamente realizzate e lo posiziona su tutti i denti fino ai premolari.

Il paziente in questo modo è autonomo e può mantenere il risultato ottenuto applicando periodicamente il prodotto per una notte.

Lo sbiancamento in studio: quando e come.

Lo sbiancamento in studio potrà essere effettuato quando il paziente:

  • ha decolorazioni;
  • ha capsule;
  • ha denti molto affollati (ovvero storti);
  • ha un dente devitalizzato.

In questi casi lo sbiancante deve essere posizionato in modo differenziato,  più su un dente e meno su un altro e quindi va necessariamente fatto in studio dal professionista (odontoiatra o igienista).

Lo sbiancante in studio può essere attivato con lampade o laser, dipende dal prodotto usato e dal grado di sbiancamento che vogliamo raggiungere.

Lo sbiancamento può avere controindicazioni? 

Dopo le sedute di sbiancamento può accadere che i denti possano essere particolarmente sensibili. È importante non esagerare con la concentrazione del prodotto e con i tempi di esposizione. Ecco perché è sempre consigliabile rivolgersi ad un professionista.

Raccomandazioni.

Dopo lo sbiancamento è molto consigliato di evitare di bere e mangiare, almeno per 24 ore, cibi e bevande come caffè, succhi molto colorati, bevande, spezie che tendono a colorare i cibi. È inoltre consigliato effettuare periodicamente un richiamo.

Vuoi maggiori informazioni? Chiamaci allo 085 9493 573 oppure al 371 3919519.

Condividi questo articolo su: